Tag: integratori

I 3 migliori integratori per la memoria e concentrazione

Integratori per la memoria

Sempre più spesso mi vengono chiesti suggerimenti per eliminare i problemi di memoria e concentrazione, stanchezza e confusione mentale, oppure per migliorare le capacità di apprendimento (e quindi i risultati nello studio).

Se fai parte di una di queste categorie, questo articolo è ciò che stavi cercando.

Avendo a che fare ogni giorno con i miei clienti privati mi rendo conto che si tratta di una serie di problemi davvero molto sentiti e “pesanti” nella vita di tutti i giorni.

Dicevo, spesso i messaggi che ricevo terminano con un “Ma ci sono degli integratori per la memoria che funzionano?”

La risposta è che sì, esistono. Ma per ogni integratore valido, sul mercato ne esistono almeno 10 assolutamente inutili se non dannosi, e riconoscerli non è semplice.

La buona notizia è che ho fatto il lavoro per te, raccogliendone 3 con diversi studi scientifici a favore che hanno provato la loro efficacia.

Ma prima di arrivarci, è bene chiarire cosa NON funziona (e perché):

 

Gli integratori e i farmaci per la memoria funzionano?

Potresti pensare che gli integratori per concentrazione e memoria più diffusi e “famosi” siano anche i più efficaci. Sbagliato.

Non pensare infatti di ottenere benefici semplicemente integrando il Multicentrum. Si tratta di un semplicissimo multivitaminico/multiminerale, che comprende qualche nutriente utile ma anche molti inutili.

Più avanti nell’articolo ti riporto quali sono i nutrienti su cui devi porre maggiore attenzione (perché poco presenti nella dieta “comune”), dove trovarli e nel caso come integrarli.

Al contrario, gli integratori che funzionano non sono dei semplici minerali, ma dei rimedi che migliorano la biochimica del cervello riportano equilibrio.

Condividi:

I migliori 3 Integratori per stanchezza mentale e fisica (e dove trovarli)

integratori per la stanchezza

Hai davvero bisogno di integratori per combattere la stanchezza?

Una delle domande che ricevo costantemente, e per la quale ho dedicato oggi un intero articolo, riguarda gli integratori alimentari:

“Ultimamente soffro di stanchezza eccessiva. Cosa posso integrare?”

Se te lo stai chiedendo in questo momento e vuoi una risposta da me, purtroppo devo deluderti: non esiste un integratore che, preso per qualche giorno, possa aumentare in modo netto i tuoi livelli di energia.

Detto in altri termini: non esistono gli integratori “per la stanchezza”: semplicemente perché la stanchezza non è dettata da un singolo nutriente ma per essere eliminata necessita di un programma da seguire.
Se la tua alimentazione è già scarsa, non ti aspettare che un singolo integratore possa fare miracoli.

Condividi:

Rimedi stanchezza: gli integratori funzionano?

Gli integratori contro la stanchezza sono sempre più venduti, un dato che conferma come la stanchezza sia ormai un sintomo particolarmente diffuso.

“Ma una vitamina o un minerale estratti dagli elementi naturali che li contenevano, incapsulati, testati su topi  e venduti a prezzi esagerati sono davvero la risposta a questo problema?”

Se fai uso di integratori (a parte ovviamente quelli necessari per contrastare patologie in corso e consigliati dal tuo medico) come sistema per tappare i buchi di un’alimentazione scarsa di nutrienti, o ti stai ragionevolmente chiedendo quali siano davvero efficaci… ti consiglio prima di tutto di leggere con attenzione questo articolo.

 

Cosa dice la ricerca scientifica riguardo gli integratori?

Molti degli integratori in commercio, ai quali alcuni attribuiscono proprietà quasi miracolose, alla prova pratica si sono dimostrati praticamente inutili. E’ ad esempio il caso della vitamina C, che per 60 anni si credeva fosse in grado di prevenire il comune raffreddore.

Alcuni anni fa è stata effettuata una meta-analisi, ovvero sono stati analizzati 29 studi eseguiti nel corso degli ultimi decenni. Studi seri, per i quali l’effetto della vitamina C è stata confrontato con un placebo.

Gli oltre 11.000 candidati hanno integrato 200 mg di vit. C al giorno (2-3 volte la dose giornaliera raccomandata), ma senza ottenere benefici per quanto riguarda la prevenzione del raffreddore, mentre la durata è diminuita leggermente. Puoi leggere la fonte qui.

Condividi: