Leo Babauta: 12 passi per mangiare sano

Leo Babauta è un apprezzato blogger e autore di alcuni libri, le cui tematiche spaziano dalla gestione del tempo all’alimentazione, dal minimalismo alle abitudini di sonno.

In questo nuovo articolo ho deciso di riportare un estratto di un suo post (che puoi leggere in lingua originale qui) perché si tratta di un’ottimo spunto pratico per chi vuole iniziare a mangiare sano senza troppi sforzi (anche se non condivido alcuni dei punti esposti). A questo estratto, che come stai per scoprire non è altro che una lista di “scelte” da fare, ho poi aggiunto un mio commento.

In particolare, l’autore all’inizio dell’articolo spiega come inserire piccole variazioni gradualmente nella propria dieta porti più risultati a lungo termine che non cercare di stravolgere la propria alimentazione da un giorno all’altro.

Quindi riporta un elenco (da prendere come esempio e personalizzabile secondo le proprie esigenze) di ben 12 passi da compiere, a distanza di due settimane l’uno dall’altro, ognuno dei quali rappresenta la sostituzione di un alimento con un altro più sano.

 

12 Passi Per Mangiare Più Sano

I 12 punti sono di Leo Babauta, il commento è mio.

 

  1. Mangia frutta al posto delle merendine: se a metà pomeriggio avverti il desiderio di qualcosa di dolce, che non è altro che una forma di dipendenza al glucosio, mangiare uno o due frutti in effetti ti garantirà di non buttarti su cioccolatini e briosche. Se invece senti il bisogno di qualcosa di più sostanzioso aggiungi una manciata di noci o mandorle: proteine e grassi ti garantiranno sazietà molto più a lungo.
  2. Bevi acqua al posto delle bibite gassate: anche qui nulla da dire: le bibite vanno evitate non tanto per gli ingredienti misteriosi che contengono, quando per l’enorme quantità di zucchero.
  3. Pane integrale: sostituire il pane bianco con quello integrale è un grande passo avanti, anche se qui in Italia le cose sono un po’ più complicate. Infatti qui il pane davvero integrale nei negozi è ancora quasi introvabile (se hai dubbi, leggi questo articolo) e la scelta migliore rimane quella di farselo a casa (20 minuti per impastare, se non hai la macchina apposita).Se devi perdere peso, hai problemi digestivi o semplicemente vuoi passare ad un’alimentazione ancora più sana, il passo successivo è quello di ridurre drasticamente o eliminare il pane e gli altri prodotti da forno.
  4. Aggiungi verdure fresche alla cena: in questo sito ripeto spesso come sia importante mantenere leggera la cena, per migliorare il sonno e i processi disintossicanti che avvengono durante la notte (ne parlo qui). Consumare verdure in quantità a cena è il modo migliore per farlo, molto meglio se crude, perché più veloci da digerire (grazie agli enzimi, che altrimenti vengono distrutti dal calore).
  5.  Elimina la carne rossa: questo consiglio è un po’ generico e non mi trova d’accordo. Non ci sono differenze sostanziali per cui si debba preferire la carne bianca a quella rossa, anzi: i polli rimangono probabilmente gli animali che più subiscono l’uso massiccio (e forse anche l’abuso) di antibiotici e ormoni, che poi inevitabilmente ci ritroviamo nel piatto.In secondo luogo, eliminare la carne (se non si mantiene il pesce) predispone al rischio di alcune carenze vitaminiche, in particolare B12 e K2.
  6. Fai la pizza, invece di ordinarla: questo può essere un buon consiglio perché così facendo puoi sia limitare l’uso di olio cotto, che rende la pizza indigesta, sia utilizzare la farina integrale di grano o di altri cereali (grano saraceno, farro ecc).
  7. Semi oleosi al posto delle patatine: mangiare noci, mandorle e nocciole come snack veloce è una buona abitudine, a patto che non siano tostate o salate. Aggiungerei anche l’avocado.
  8. Latte di soia al posto del latte intero vaccino: qui non c’è un beneficio assoluto: per chi lo tollera bene, il latte in modeste quantità (1 bicchiere al giorno, non certo 1 litro come gli Americani) non dà nessun disturbo. Per quanto riguarda il latte di soia, questo va acquistato esclusivamente se di prodotto da soia proveniente da agricoltura BIO.Ancora meglio, preferisci latte di mandorla e cocco, molto più nutrienti e zero controindicazioni.
  9. Cereali integrali: come nel caso del pane, anche per i cereali il passaggio alla forma integrale è fondamentale per una buona alimentazione, sia per il contenuto in vitamine e minerali, sia per le fibre e la riduzione del carico glicemico totale. Parlo dei cereali integrali in questo articolo.
  10. Frutti di bosco al posto delle caramelle: i frutti di bosco sono un vero e proprio superfood nostrano, da preferire rispetto a mangostano, bacche di goji e altri che arrivano a noi sottoforma di succhi e altri preparati ormai devitalizzati.
  11. Tofu strapazzato al posto della frittata: di nuovo, qui non posso essere d’accordo. Il tofu è un alimento totalmente artificiale, senza nessun valore nutritivo. Al contrario, le uova fanno parte dei 5 alimenti energetici. Stai attento solo a non usare troppo olio.
  12. Prova qualche cena vegana: attenzione: anche i pasti vegani e vegetariani possono essere male strutturati dal punto di vista del carico glicemico e provocare sonnolenza dopo mangiato.
Opt In Image
Vuoi meno stress e più energia?

Inserisci la tua mail e premi il pulsante giallo per scaricare l'ebook gratis
"I 5 segreti per esplodere di energia"

Condividi:

One Response

  1. Silvia 19 marzo 2014

Lascia un commento