15 alimenti contro la stanchezza sorprendentemente efficaci

Semi di zucca

E’ possibile aggiungere degli alimenti contro la stanchezza alla propria dieta?

In questo sito ho portato più volte le prove di come una corretta alimentazione sia determinante per combattere la stanchezza fisica e mentale e più in generale per vivere con più energia e meno stress.

Tuttavia, un errore tipico di chi vuole risolvere il proprio problema ma ha più volte fallito nel tentativo, è pensare che mangiare sano significa seguire una dieta monotona e dover dire addio ad alimenti particolarmente gustosi (se ti è capitato, sei nel posto giusto e dopo questo articolo cambierai opinione).

Oltre ad essere questo totalmente falso, se mi conosci sai bene la mia volontà di diffondere il messaggio secondo cui variare la propria alimentazione è fondamentale, soprattutto perché la dieta moderna non è assolutamente completa di tutti i nutrienti e delle rispettive quantità di cui abbiamo bisogno per vivere il massimo.

E la buona notizia è che questo è assolutamente ottenibile attraverso cibi veri, senza per forza ricorrere ad integratori, a parte alcuni casi.

Esistono degli alimenti anti stanchezza?

Oggi in questo articolo voglio proporti 15 cibi che reputo essere molto efficaci, e bada bene non ho inserito alimenti ovvi che la maggior parte delle persone mangia (o sa di dover mangiare), ma ho raccolto alcuni cibi un po’ particolari.

E’ tutto, buona lettura!

I 15 cibi contro la stanchezza

Per alcuni di questi cibi, dal momento che non sono semplicissimi da trovare nei normali supermercati, ti ho messo il link diretto per acquistarli da uno shop online che ritengo essere tra i migliori per rapporto qualità prezzo.

1. Patate dolci

Le hai mai assaggiate? Le patate dolci, da alcuni chiamate “batate”, sono tuberi un po’ diversi dalle classiche patate bianche.

Si presentano come nella foto qui a fianco ed oltre all’aspetto, cambiano anche le proprietà.

Le patate dolci infatti Patate dolcihanno un Indice Glicemico più basso, ovvero provocano un’altalena glicemica minore rispetto alle patate tradizionali (o altre fonti di carboidrati) e quindi non causano il fenomeno della sonnolenza dopo i pasti.

Questi tuberi sono anche ricchi di Vitamina A, B e C e contengono buone quantità dei minerali manganese, potassio e rame.

Infine, le consiglio particolarmente a chi ha spesso voglia di dolce durante la giornata (sebbene abbia scritto un articolo specifico su come eliminare la dipendenza da zucchero), perché aiutano a placarla e allo stesso tempo sono un cibo sanissimo.

 

2. Semi di zucca

I semi di zucca costituiscono uno snack altamente nutriente e senza controindicazioni.

Sono ricchi di ferro e magnesio, un minerale quest’ultimo spesso troppo carente nell’alimentazione moderna, e sono un’ottima fonte di proteine.

Se sei in cerca di qualcosa da poter mangiare nel pomeriggio magari assieme ad un frutto fresco, e la frutta a guscio ti crea gonfiore, i semi di zucca sono la scelta perfetta.

 

3. Noci brasiliane

Parlando di magnesio, anche le noci brasiliane (da qualcuno chiamate “noci amazzonia”) sono una fonte eccellente. Inoltre, sono anche la migliore fonte in assoluto di selenio, un minerale con potente azione antiossidante non semplice da trovare in altri cibi, ti basti pensare che appena 2 noci brasiliane sono sufficienti a soddisfare il fabbisogno giornaliero di selenio.

Se devi perdere peso e tendi a mangiare compulsivamente, ti consiglierei però di preferire i semi di zucca, in quanto le noci brasiliane se mangiate in eccesso portano inevitabilmente a mettere su peso.

Un piccolo avvertimento: se non le hai mai mangiate, fai prima la prova con un paio e aspetta qualche minuto per vedere se accusi gonfiore. E’ purtroppo una reazione che provocano in diverse persone.

 

4. Lamponi

LamponiCome per gli altri frutti di bosco e cibi altamente protettivi come le barbabietole rosse, il colore dei lamponi è indice di un alto contenuto di antiossidanti, in particolare antocianine e ellagitannini.

Una proprietà interessante che è stata scoperta è che questi antiossidanti aumentano la sensibilità del cervello verso la leptina, un ormone che interviene nella regolazione dell’appetito.

In altre parole, i lamponi possono aiutarti a tenere sotto controllo il metabolismo e la sensibilità all’insulina.

Oltre a questo, i lamponi sono i più ricchi di fibre della loro categoria, quindi eccellenti anche se vuoi migliorare la tua salute intestinale, e sono fonti di vitamina C e manganese.

 

5. Cacao amaro

Il cacao può essere definito un superfood e vale molto più di tanti integratori spacciati come tali e venduti a caro prezzo.

Prima di tutto, è un’altra ottima fonte di magnesio, ma anche di rame, ferro e manganese.

Oltre a questo, i flavonoidi del cacao hanno dimostrato di portare benefici per la lucidità mentale (oltre che regolare la pressione sanguigna), come dimostrato in questo studio.

Come puoi consumare il cacao? Ad esempio sottoforma di fave di cacao (come queste), o di cioccolato fondente extra (almeno 75%), oppure semplicemente aggiungendolo al tuo muesli la mattina o in un frullato con latte di cocco.

Controindicazione: purtroppo da evitare se sei allergico/a al nichel.

 

6. Molluschi e crostaceiCozze

I frutti di mare, per così dire, sono tra i cibi più nutrienti in assoluto, in termini di proteine, vitamine e minerali, tanto che hanno una quantità di micronutrienti simile a quella del fegato, ovviamente con il gusto dalla loro parte.

In particolare cozze e ostriche sono una miniera di zinco, selenio, magnesio, manganese, iodio, vitamina A e vitamine del gruppo B (in particolare B12 e B9, conosciuta anche come acido folico), ma anche granchi, gamberi ed aragoste ne contengono in buone quantità.

 

7. Aceto di mele

In che modo l’aceto di mele può aiutarti ad attenuare la stanchezza non contenendo nutrienti?

In diversi studi si è visto che prendere un cucchiaino di aceto di mele insieme ad un pasto ricco di carboidrati diminuisce lo sbalzo glicemico (fonte), ti aiuta ad aumentare il senso di sazietà e quindi non appesantire la digestione (fonte) e infine, se il tuo obiettivo è perdere peso, 1-2 cucchiai di aceto di mele al giorno possono aiutarti a perdere 1,5 Kg in 3 mesi (fonte).

L’aceto di mele è un altro alimento che puoi acquistare per pochi euro ma ha effetti dimostrati e anche più potenti della maggior parte dei prodotti etichettati come “dimagranti” in commercio.

 

8. Olio di cocco

Olio di coccoSe a crudo e a basse temperature l’olio di oliva è perfetto, nelle cotture prolungate degenera e perde le sue proprietà, diventando addirittura tossico (si vengono a creare grassi trans e in alcuni casi acrilamide, sostanze cancerogene).

In questo senso ti viene in aiuto l’olio di cocco, che resiste perfettamente alle alte temperature e porta con sé numerose proprietà, che ho discusso in questo articolo (leggi anche i commenti).

La stanchezza infatti è anche un sintomo dell’infiammazione: quest’ultima è causata, tra le altre cose, dall’abuso di oli vegetali come quello di girasole, di mais, di soia e di arachidi, che sbilanciano totalmente il rapporto Omega3 / Omega6.

Sostituendoli con olio di cocco e aggiungendo una buona fonte di Omega 3, ti garantisci una migliore salute intestinale, un sistema immunitario più forte e meno dolori articolari (dovuti all’infiammazione).

E’ importante che l’olio di cocco sia biologico per conservarne tutte le proprietà. Se non vuoi sbagliarti, puoi acquistarlo da questo shop online.

 

9. Quinoa

La quinoa è uno pseudocereale con numerosi benefici rispetto all’abusato frumento, anche rispetto a quello in forma integrale.

Per citarne alcuni:

  • Contiene il doppio delle fibre, 14 gr contro 7gr ogni 100 grammi;
  • Ha un buon contenuto di manganese e magnesio;
  • Fornisce proteine di ottima qualità;
  • E’ meno calorica;
  • Contiene potentissimi antiossidanti come la quercetina;
  • Ha un Indice Glicemico molto più basso;
  • E’ senza glutine.

 

10. ZenzeroZenzero

Il principio attivo principale dello zenzero e colui che gli dona il caratteristico sapore, il Gingerolo, ha una buona azione antiossidante e anti-infiammatoria (fonte), quest’ultimo effetto particolarmente efficace per chi soffre di artrite (qui lo studio eseguito su 261 pazienti, conclude che “l’estratto di zenzero ha avuto un effetto significativo nella riduzione dell’osteoartrite del ginocchio in un periodo di 6 settimane“).

Lo zenzero ti viene in aiuto anche nella regolazione della glicemia (studio) e nella performance intellettuale.

 

11. Mango

Il mango è un frutto tropicale con un indice glicemico molto basso e dal grande potere antiossidante.

E’ infatti particolarmente ricco di Vitamina A e C e quercetina, e ha dimostrato di prevenire i danni ossidativi causati dall’azione dei radicali liberi.

 

12. Semi di chia

semi di chiaI semi di chia sono semi oleosi con grandi proprietà. Sono ricchissimi di magnesio, calcio, fosforo e manganese (minerali fondamentali per salute delle ossa), fibre e grassi Omega 3 (più dei maggiormente conosciuti semi di lino).

Sono allo stesso tempo una buona fonte di fibre e poveri di carboidrati, il che li rende un ottimo cibo per il controllo del peso.

Assicurati che provengano da agricoltura biologica, come questi qui che hanno un eccellente rapporto qualità/prezzo.

 

13. Avocado

L’avocado è una delle migliori fonti di grassi buoni in circolazione ed è costituito per la maggior parte da grassi monoinsaturi, in particolare acido oleico, lo stesso dell’olio di oliva ed è per questo che l’avocado ne condivide molte proprietà, tra cui l’azione antiinfiammatoria e di riduzione nei confronti di trigliceridi e colesterolo cattivo LDL.

Ma l’avocado è anche meglio dell’olio di oliva, perché ricco di minerali, vitamine, enzimi, fibre e antiossidanti, tra cui luteina e zeaxantina, fondamentali per preservare la salute della vista.

Inoltre, i grassi dell’avocado hanno dimostrato di aiutare l’assorbimento di nutrienti da altri cibi, per questo ti consiglio caldamente di aggiungere qualche pezzetto di avocado alle tue insalate miste.

 

14. Melograno

Per parlarti del melograno ti riporto alcune righe che ho scritto qualche settimana fa sulla mia Pagina Facebook:

“Questa mattina stavo leggendo alcuni studi sulle proprietà del MELOGRANO.melograno

Ecco 5 cose che hanno attirato la mia attenzione e dovrebbero fare lo stesso per te:

– Il melograno ha proprietà antibatteriche e antifungine e si è dimostrato benefico contro la candida albicans.

– Gli antiossidanti del melograno (chiamati punicalagine) sono 3 VOLTE più potenti di quelli del tè verde e hanno forte azione anti-infiammatoria.

– Potrebbe essere d’aiuto agli anziani con problemi di memoria.

– Sia l’estratto di melograno sia il succo, si sono dimostrati in grado di abbassare il colesterolo cattivo LDL e aumentare quello buono HDL

– C’è una piccola evidenza (da confermare con ulteriori studi) per cui il succo di melograno preso quotidianamente possa inibire la crescita del tumore alla prostata (il primo per frequenza tra gli uomini).”

 

15. Kefir

Se vuoi mantenere una buona salute intestinale, o recuperare da una condizione di disordini intestinali, devi ricorrere ai cibi fermentati.

I cibi fermentati agiscono da probiotici, ovvero portano nuovi batteri buoni nell’intestino con tutti i benefici collegati.

Una delle vie più pratiche per assumere probiotici è ricorrere al kefir, una bevanda che può essere a base di latte fermentato o di acqua (in questo caso va aggiunto zucchero per avviare la fermentazione).

Normalmente ci si riferisce al kefir ottenuto dalla fermentazione del latte vaccino o di capra, e che rappresenta una versione più “potenziata” dello yogurt.

Personalmente però ti consiglio, specialmente se il latte ti crea problemi di digeribilità (per via delle caseine e del lattosio che non scompare totalmente nonostante la fermentazione), di ricorrere al kefir d’acqua o d’acqua di cocco.

Non contiene gli stessi nutrienti del kefir di latte in termini di vitamine e proteine, ma i suoi benefici come probiotico restano invariati.

Queste proprietà sono state studiate, e te ne riporto alcune:

  • Azione antibatterica molto efficace grazie a batteri presenti unicamente nel kefir (studio);
  • Proprietà antitumorali, di rinforzamento del sistema immunitario e ipocolesterolemiche (studio);
  • Diminuzione dei sintomi del colon irritabile (studio).

 

Conclusione

E’ tutto, come hai visto nonostante sono partito con l’idea di mostrarti una lista di “alimenti contro la stanchezza” infine abbiamo visto 15 dei cibi più utili a ristabilire salute ed energia a 360 gradi.

Se l’articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo su Facebook e lasciare un commento qui sotto!

Alessandro Gandini

Opt In Image
Vuoi meno stress e più energia?

Inserisci la tua mail e premi il pulsante giallo per scaricare l'ebook gratis
"I 5 segreti per esplodere di energia"

Condividi:

17 Commenti

  1. Manuela 26 luglio 2015
    • Alessandro Gandini 26 luglio 2015
  2. mario 26 luglio 2015
    • Alessandro Gandini 26 luglio 2015
  3. Murycylo 27 luglio 2015
    • Alessandro Gandini 27 luglio 2015
  4. anna 28 luglio 2015
    • Alessandro Gandini 28 luglio 2015
  5. rosa 14 agosto 2015
  6. Daniela 30 agosto 2015
    • Alessandro Gandini 30 agosto 2015
  7. Bianca Rosa 20 settembre 2015
    • Alessandro Gandini 20 settembre 2015
  8. Eliana 14 marzo 2016
    • Alessandro Gandini 21 marzo 2016
  9. Teresa 30 aprile 2016
  10. Ange 27 luglio 2017

Lascia un commento